Notizie

11 Marzo 2021

Conferenza sul futuro dell’Europa: coinvolgere i cittadini per costruire l’Europa di domani

Nella giornata del 10 marzo, il Presidente del Parlamento europeo David Sassoli, il Primo ministro portoghese António Costa, a nome della presidenza del Consiglio, e la Presidente della Commissione Ursula von der Leyen hanno firmato la dichiarazione comune sulla conferenza sul futuro dell’Europa.

Si tratta di un momento introduttivo all’avvio di una serie di dibattiti e discussioni che consentiranno ai cittadini dell’Unione di condividere le loro idee per contribuire a plasmare il futuro dell’Europa.

La conferenza sul futuro dell’Europa vuole avere come obiettivo quello di assegnare ai cittadini un ruolo più incisivo nella definizione delle politiche e delle ambizioni dell’UE, consentendo loro di esprimere la propria opinione su ciò che si aspettano dall’Unione europea, contribuendo attivamente, quindi, a migliorare le risposte dell’Unione alle crisi, sia economiche che sanitarie.
Costituirà un nuovo spazio d’incontro pubblico per un dibattito aperto, inclusivo, trasparente e strutturato con i cittadini europei sulle questioni che li riguardano e che incidono sulla loro vita quotidiana.

La dichiarazione comune definisce la portata, la struttura, gli obiettivi e i principi della conferenza; presenta inoltre un elenco, non definitivo, di possibili argomenti: salute, cambiamenti climatici, equità sociale, trasformazione digitale, il ruolo dell’UE nel mondo; sicuramente tutti temi che coincidono con le priorità generali dell’UE e con le questioni sollevate dai cittadini nei sondaggi d’opinione, ma, in ultima analisi, saranno i partecipanti a decidere quali argomenti trattare nell’ambito della conferenza.

La dichiarazione quindi getta le basi per eventi avviati dai cittadini, da organizzare in collaborazione con la società civile e i portatori d’interessi a tutti i livelli, i parlamenti nazionali e regionali, il Comitato delle regioni, il Comitato economico e sociale, le parti sociali e il mondo accademico.

La conferenza, che fa capo alle tre istituzioni che guidano l’iniziativa, vedrà presto istituito un comitato esecutivo, il quale avrà la funzione di supervisionare i lavori e preparerà le riunioni plenarie della conferenza, compresi i contributi dei cittadini.
Sarà articolata in vari spazi, virtuali e, possibilmente, fisici, nel rispetto delle norme anti COVID.
Inoltre una piattaforma digitale, multilingue e interattiva, consentirà ai cittadini e ai portatori d’interessi di presentare idee online e li aiuterà a partecipare o a organizzare eventi.
La piattaforma e tutti gli eventi organizzati sotto l’egida della conferenza dovranno essere guidati dai principi di inclusività, apertura e trasparenza, nel rispetto della privacy e delle norme dell’UE in materia di protezione dei dati.
Le attività dei gruppi di cittadini verranno trasmesse e tutti i contributi online dovranno essere resi pubblici.

La conferenza sarà invitata infine ad elaborare le proprie conclusioni, per orientare quella che i cittadini ritengano debba essere la futura direzione dell’Europa.

 

 

Per ulteriori informazioni

Conferenza sul futuro dell’Europa

Dichiarazione comune sulla conferenza sul futuro dell’Europa

Conferenza sul futuro dell’Europa: coinvolgere i cittadini per costruire l’Europa di domani

Ultimi articoli

Notizie 30 Luglio 2021

Pratiche commerciali sleali: la Commissione europea ha avviato procedure di infrazione nei confronti di 12 Stati membri.

  La Commissione ha inviato lettere di costituzione in mora ad Austria, Belgio, Cechia, Cipro, Estonia, Francia, Italia, Polonia, Portogallo, Romania, Slovenia e Spagna.

Attività 21 Luglio 2021

Corso base di progettazione europea: a Nuoro dal 21 al 23 luglio.

EduLab, in collaborazione con Europe Direct Nuoro e il patrocinio del Comune di Nuoro, organizzano un corso base di progettazione Europea.

Notizie 9 Luglio 2021

How dare you! – Euorpa, giovani, ambiente: al Monte Ortobene l’evento del 7 luglio

Mercoledì 7 luglio, tra i boschi del Monte Ortobene, si è tenuto l’evento organizzato dal Centro Europe Direct del Comune di Nuoro, che opera anche come antenna Eurodesk e dal CEAS (Centro Educazione Ambiente e Sostenibilità) di Nuoro, per parlare di ambiente nell’ambito delle opportunità europee offerte dal Corpo Europeo di Solidarietà.

Notizie 25 Giugno 2021

La Commissione europea approva il Piano di Ripresa e Resilienza proposto dall’Italia

Con la valutazione positiva da parte della Commissione, pervenuta lo scorso 22 giugno, si dà il via al cosiddetto PNRR.

torna all'inizio del contenuto