Notizie

14 Maggio 2021

Inquinamento zero: obiettivi e azioni per un’Europa verde

Una delle sfide chiave dei nostri tempi riguarda la lotta ai cambiamenti climatici e al degrado ambientale.

L’inquinamento ambientale rappresenta la principale causa di numerose malattie e decessi, soprattutto tra i bambini, gli anziani e i soggetti fragili, specialmente in prossimità di aree contaminate o ad elevato flusso di traffico. Si stima che nel 2015 l’inquinamento abbia portato alla morte di circa 9 milioni di persone nel mondo, oltre ad essere una grave minaccia per la biodiversità e per la capacità del pianeta di auto regolarsi.

Il Green Deal rappresenta la strategia dell’Unione europea per rendere sostenibile l’economia dell’UE e raggiungere la neutralità climatica entro il 2050.

In quest’ottica, lo scorso 12 maggio la Commissione europea ha adottato il piano d’azione denominato “Verso un inquinamento zero per aria, acqua e suolo”, che sarà anche il tema principale della Settimana verde dell’UE di quest’anno, in apertura il prossimo 31 maggio.

Il piano mira a perseguire il suo obiettivo anche tramite un riesame della normativa vigente, individuandone le lacune e prevedendone un perfezionamento anche sul piano dell’applicabilità.

Proiettato verso il 2050, il piano d’azione stabilisce obiettivi chiave per il 2030 – in concordanza con l’Agenda 2030 dell’ONU – volti a ridurre l’inquinamento alla fonte, rispetto alla situazione attuale, nello specifico: 

  • migliorare la qualità dell’aria in modo da ridurre del 55 % il numero di morti premature causate dall’inquinamento atmosferico;
  • migliorare la qualità dell’acqua riducendo i rifiuti, i rifiuti di plastica in mare (del 50 %) e le microplastiche rilasciate nell’ambiente (del 30 %);
  • migliorare la qualità del suolo riducendo del 50 % le perdite di nutrienti e l’uso di pesticidi chimici;
  • ridurre del 25 % gli ecosistemi dell’UE in cui l’inquinamento atmosferico minaccia la biodiversità;
  • ridurre del 30 % la percentuale di persone che soffrono di disturbi cronici dovuti al rumore dei trasporti;
  • ridurre in modo significativo la produzione di rifiuti e del 50 % i rifiuti urbani residui.

Il piano delinea una serie di iniziative e azioni faro, tra cui:

  • allineare ulteriormente gli standard di qualità dell’aria alle ultime raccomandazioni dell’Organizzazione mondiale della sanità;
  • rivedere le norme relative alla qualità delle acque, anche nei fiumi e nei mari dell’UE;
  • ridurre l’inquinamento del suolo e migliorarne il risanamento;
  • rivedere la maggior parte delle norme dell’UE in materia di rifiuti per adeguarle ai principi dell’economia pulita e circolare;
  • promuovere l’azzeramento dell’inquinamento causato dalla produzione e dal consumo;
  • ridurre le disuguaglianze che incidono sulla salute causate dalla quota sproporzionata di impatti nocivi sulla salute a cui sono attualmente esposti i più vulnerabili;
  • ridurre l’impronta dell’inquinamento esterno dell’UE limitando le esportazioni di prodotti e rifiuti che hanno un impatto nocivo e tossico nei paesi terzi;
  • consolidare i centri di conoscenza dell’UE sull’inquinamento zero e riunire i portatori di interessi nella piattaforma dei portatori di interessi in materia di inquinamento zero;
  • rafforzare l’attuazione delle misure di azzeramento dell’inquinamento di concerto con le autorità ambientali e di altri settori.

 

Frans Timmermans, Vicepresidente esecutivo responsabile per il Green Deal europeo, ha affermato: 
“Il Green Deal mira a costruire un pianeta sano per tutti. Per offrire ai cittadini e al pianeta un ambiente privo di sostanze tossiche, dobbiamo agire subito. Questo piano guiderà il nostro lavoro verso la realizzazione dell’obiettivo stabilito. Le nuove tecnologie verdi già esistenti possono contribuire a ridurre l’inquinamento e offrire nuove opportunità commerciali. Anche gli sforzi dell’Europa per ripristinare un’economia più pulita, più equa e più sostenibile devono contribuire al conseguimento dell’obiettivo di inquinamento zero.”

 

Per saperne di più: 

Domande e risposte sul piano d’azione per l’inquinamento zero

Scheda informativa (in inglese) – 2050: Un pianeta sano per tutti

Pagina web (in inglese) del piano d’azione per l’inquinamento zero

 

Inquinamento zero: obiettivi e azioni per un’Europa verde

Ultimi articoli

Attività 22 Settembre 2021

SHARPER 2021 – La notte dei ricercatori torna a Nuoro

Venerdì 24 settembre, per l’undicesimo anno, Nuoro tornerà teatro di Sharper night – La notte europea dei ricercatori.

Eurodesk 16 Settembre 2021

I Progetti di Solidarietà: giovani e volontariato europeo.

Sulla scia dell’appuntamento estivo How dare you! dello scorso luglio, nel contesto della notte dei ricercatori, il Centro Europe Direct del Comune di Nuoro, che opera anche come Antenna Eurodesk, organizza l’evento: I Progetti di Solidarietà: opportunità per un nuovo protagonismo giovanile in ambito culturale.

Eventi 16 Settembre 2021

SOTEU 2021: Rafforzare l’anima dell’Europa

Nella mattinata di ieri la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha pronunciato il Discorso sullo stato dell’Unione 2021 (il secondo da quando è in carica), col quale ha illustrato i risultati conseguiti dai lavori dell’UE nell’ultimo anno e non ha mancato di rimarcare quelli che sono gli obiettivi futuri.

Eventi 13 Settembre 2021

Stato dell’Unione 2021

Il 15 settembre 2021, alle ore 9.00 la Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen pronuncerà il discorso sullo stato dell’Unione davanti al Parlamento europeo riunito in sessione plenaria.

torna all'inizio del contenuto